Il blog di cucina semplice e veloce di una dilettante allo sbaraglio

domenica 26 gennaio 2014

French toast

Di ricette per il french toast ce ne sono tante, e la prima volta che me lo ha fatto assaggiare un americano doc l'ho mangiato con le fragole frullate, mi sembra di capire che l'abbinamento con la frutta sia una delle opzioni più comuni.
Il french toast essenzialmente è pane bagnato nell'uovo e poi cotto in padella, da servire con una salsa, sciroppo o quant'altro o frutta. Si serve a colazione o per un brunch.


Cercando ricette online ho visto che qualcuno al posto dell'uovo da solo prepara una custard, che sarebbe la base di una crema, ma a me ispirava di più la ricetta classica.
Questa ricetta l'ha proposta Gordon Ramsey in uno dei suoi mille programmi in tv, sinceramente mi chiedo quando abbia il tempo di fare lo chef nel suo (o suoi suppongo) ristorante!!! :-)

Innanzitutto c'è una considerazione da fare sul pane: deve essere pane vecchio, e di almeno 4-5 giorni.
Perché? Perché altrimenti assorbe troppo uovo e resta molliccio.

Ingredienti

Uova
Pane raffermo
Mele (1 x 2 persone)

Burro

Per cominciare NON sbucciare la mela ma tagliarla semplicemente a pezzetti. Mettere un po' di burro in una padella e quando sarà sciolto aggiungere la mela e farla rosolare 5-10 minuti, finché si dora e si ammorbidisce. Spegnere e tenere da parte mentre si prepara il pane.



Intanto sbattere un paio di uova in un piatto fondo e tagliare delle fette medio-spesse di pane, diciamo almeno 1 cm. Preparare un padellino con un po' di burro e scaldarlo finché si scioglie.
Passare il pane nell'uovo sbattuto, girarlo sull'altro lato e sgocciolarlo, poi metterlo a rosolare nel burro, diciamo circa 30 secondi per lato, l'uovo dovrebbe cuocerci subito e dorarsi anche un po'.

Servire ben caldo con la mela spadellata... buona colazione!







giovedì 23 gennaio 2014

Banana bread

Eccoci qua dopo tanto tanto tempo, una bimba di un anno e tante cose da fare.
Non ho mai smesso di cucinare e fotografare e... procrastinare.

Dopo aver avuto la mia piccola mi sono sentita di nuovo me stessa solo quando ho cucinato un pasto, le piccole cose ti danno la normalità. Ora mi sbizzarrisco a cucinare per lei, anche se ha solo 3 denti, e accumulo nella mia testa un sacco di ricette da farle quando sarà più grande.


Intanto però per il primo compleanno le ho fatto una torta alla carota a forma di orsetto, che si è mangiata da sola e ha distrutto con le sue manine... :-)



Il banana bread mi ha sempre attirato, lo incontravo viaggiando sui blog stranieri e non e alla fine ho chiesto alla mia amica Teresa la ricetta, dato che ne avevamo parlato.
Mi ha dato la ricetta di Simplyrecipes che trovate qui in originale. Vi riporto le istruzioni tradotte in italiano della ricetta di Elise Bauer. Gli ingredienti sono in ordine di utilizzo:

3 o 4 banane, schiacciate
1/3 di tazza di burro fuso
1 tazza di zucchero (si può ridurre a 3/4 di tazza)
1 uovo
1 cucchiaino di vanillina (io non l'ho messo)
1 cucchiaino di bicarbonato
1 pizzico di sale
1 tazza e 1/2 di farina

...e 5 minuti, dico 5, di preparazione.
In America vedo che si usa molto la "tazza" come unità di misura, e la cosa mi intimoriva, da control freak avevo paura di sballare la ricetta, che ho provato 2 volte ed è venuta benissimo in entrambi i casi nonostante il numero diverso di banane (3 e 4) e la cottura più o meno "scura" (la seconda volta la griglia era piuttosto alta in forno.

Ho usato una tazza da the standard da 200 ml circa.
Scaldare il forno a 175 gradi. Prendere una ciotola capiente e un mestolo di legno.
Fondere il burro (microonde o fornello) in un recipiente adatto, intanto schiacchiare con una forchetta le banane tagliate a pezzi nella ciotola.
Incorporare: uovo, zucchero, vanillina per chi vuole, bicarbonato e pizzico di sale. Mescolare bene.
Aggiungere la farina e mescolare bene.
Prendere uno stampo per plumcake e versare questo impasto grumoso, usando un "leccapentola" (come dice la mia amica Sara), cioè una spatola, per tirar giù tutto tutto il possibile dalla ciotola [mi raccomando...!].
Quando il forno è caldo infornare e lasciar cuocere 1 ora.
A cottura ultimata togliere il banana bread dallo stampo e lasciar raffreddare su una griglia.

Per la colazione del giorno dopo è ottimo e non troppo dolce, lo infornate alle 21/21.30 e vi piazzate sul divano a leggere o a vedere la vostra serie preferita, dopo 1h è tutto pronto e la casa ha un profumino delizioso... andrete a nanna più felici pregustando la colazione di domani!



venerdì 19 ottobre 2012

La stracciatella / Sopa con huevo estrellado

Immagine da: La Cucina Italiana

en castellano abajo

Questa sera avevo voglia di brodino, ma anche di cose nutrienti e allora mi è venuta in mente la stracciatella, che avevo fatto solo un'altra volta in vita mia. Mi sono fatta un brodino di verdure con una cipolla, una carota e una zucchina, ho aggiunto le stelline al brodo e appena si sono cotte ho fatto la stracciatella!

Ho seguito la ricetta di Roccoeisuoifornelli.it che trovate a questo link, e devo dire che il limone grattugiato e il pizzico di noce moscata ci stanno benissimo! Abbiamo fatto il bis e decretato che diventerà un classico in famiglia!

Ora che inizia a fare freschetto la sera un brodo ci sta sempre bene... :-)

 ***
 Esta noche tenía ganas de caldo, así que he decidido hacer una receta muy sencilla que en Italia se llama "stracciatella" - como el helado - y que no es más que un caldo con huevo estrellado. He seguido la receta de este blog, donde podéis ver también la foto.

Ingredientes
caldo de verduras/de pollo 1 litro y medio
2 huevos
queso parmesano
1 limón
nuez moscada

He empezado por hacer un caldo de verduras yo misma: 1 cebolla, 2 zanahorias y un calabacín, echadas en agua fría, a hervir en litro y medio de agua hasta que hayan dado algo de sabor. Añadir sal mientras hierven, retirar las verduras al final y echar una gotita de aceite.


El caldo está listo, entonces le echo dos vasos de agua fría y 60/70 gramos de pastita para sopa, por ejemplo estrellitas. Mientras se hacen (sin tapa para que el agua de más evapore) bato los 2 huevos en un plato y rayo el parmesano en un bol pequeño para más adelante.

Cuando la pasta esté hecha apago el fuego y echo los huevos batidos removiendo rápidamente con un tenedor hasta que el huevo se separe en "hilos". Echo unos cazos de sopa en los platos, echo parmesano por encima, una pizca de nuez moscada y... una pizca de piel rallada de limón. Nunca lo hubiera dicho, pero queda muy, muy, muy bien en la sopa el gusto de limón así que se nota apenas.

Es un plato muy sencillo pero muy alimenticio, ¡perfecto para el otoño que se empieza a notar!